giovedì 17 gennaio 2008

Un nuovo (sub)notebook

Dopo aver utilizzato per quasi 8 anni il mio instancabile Thinkpad T23, che peraltro funziona ancora egregiamente, mi sono 'regalato' un nuovo portatile. Dopo accurata scelta ho optato per il Thinkpad X60.
Perché? Presto detto:
  1. Spero che anche questo sopporti almento 6 anni di martoriante piffy-usura.
  2. Ha tutte le forme di connettività che mi servono, e funzionato anche sotto Linux
  3. Non ha Vista. :-) Ma un solido XP SP2.
  4. Non ha il DVD interno, ma mi è risultato poco utile in passato (e poi ne ho uno esterno)
  5. Ho trovato grazie ad ebay, una formidabile occasione grazie ad ebay e a proxyma.
Magari in seguito esporrò alti lati positivi del subnotebook, ma volevo invece pubblicare ad uso di tutti un piccolo resoconto su come installare linux su questo laptop, esperienza decisamente positiva.

SCELTE INIZIALI
  1. Lascerò una partizione windows. Anche se mi 'ciuccia' parecchio spazio, mi potrebbe capitare di usare giochi err... programmi che funzionano solo su questo SO. Per cui, rimarrà
  2. Distribuzione. Opterò per OpenSuse, anche se sono 'politicamente' in rotta, perché è quella che conosco meglio e con una buona fama di hw support.
  3. Partizionamento. La partizione 1 verrà ridotta a 40 Gb. Nello spazio liberato farò due ulteriori partizioni, home e /. L'esperienza mi dimostra che avere almeno due partizioni SERVE.
SETUP INIZIALE

Per l'occasione ho comprato un masterizzatore Samsung USB veramente da poco, ma ho scoperto che avrei potuto anche farne a meno: da qualche tempo alcune distribuzioni ((K)Ubuntu e Suse, per quanto ne so) hanno avuto l'ottima idea di facilitare ulteriormente gli 'utonti', per cui non è neppure necessario neppure toccare il BIOS, ma installa un ambiente di installazione sulla partizione Windows e permette di lanciarlo tramite il bootloader di windows. Tanto di cappello per l'idea ai team coinvolti (Lubi, Wubi e Istlux)

Ho avviato l'installer e dopo un po' di lavoro il mio schema è seguente:
Partizione 1: 40 Gb NTFS per Windows
Partizione 2: 5 Gb per la partizione "nascosta" di recupero (comprende persino un browser!)
Partizione 3: 1 Gb Swap
Partizione 4: 15 Gb per "/"
Partizione 5: 25 Gb per "/home"

L'installer è filato liscio, senza alcun problema di ripartizionamento (di solito un PITA sui portatili).

POST-INSTALL
Beh, la prima impressione è che andasse davvero tutto! La grafica 3D, il driver sonoro, persino il bluetooth e il wireless. Devo dire che l'autorilevazione Linux ha fatto passi da gigante in questi anni. Qualche problema rimaneva
  1. Il chip biometrico per le impronte digitali è stato rilevato e configurato, ma nella pratica non riesco a utilizzarlo. Forse occorre un patch per kdm? Non è particolarmente importante, comunque
  2. Il soft/winmodem interno non viene visto neppure di striscio.
  3. La scheda di rete non funzionava! Dopo una rapida occhiata a dmesg ho visto che era un problema del kernel: è bastato aggiornare il sistema con yast e tutto è filato liscio.


IN DEFINITIVA
Un gran bell'oggettino. Sono soddisfatto!


Componente Hardware
Situazione
Note
Core Duo Processor, 1.83 GHz OK
12.1 TFT Display,1024x768 OK configurato automaticamente
Intel Corporation Mobile 945GM Express Integrated Graphics Controller (rev 03) OK Con accelerazione
82801G (ICH7 Family) Ultra ATA Storage Controller
OK SATA=scsi (/dev/sda)
Intel Corporation PRO 100/1000 Ethernet Controller OK Richiesto update
Intel Corporation 3945ABG
OK (WPA PSK)
Internal CXT 56k Modem NO
Non funziona
Intel Corporation 82801G (ICH7 Family) High Definition Audio Controller (rev 02) OK -
Intel Corp 1394 Net Adapter
OK
Non ho provato
Bluecom BlueZ Chip
OK
-
Biometric UPEC Chip
??





1 commento:

TheJoe ha detto...

Beh, il fatto che non ti riconosca il winmodem è più un bene! XD